FacebookTwitterGoogleFeed

 

Editoriale

Editoriale

Renzi ha straperso, ma la democrazia è ancora in pericolo

Renzi ha straperso, ma la democrazia è ancora in pericolo

Mentre Renzi, il P.D., Mattarella sono impegnati a dimostrare che “non è successo niente” con il voto del 4 dicembre, credo che sia nostro obbligo cercare di “fare il punto”.

Abbiamo fatto tutto quello che potevamo perché vincesse il NO. Lo abbiamo fatto solo per scongiurare lo scempio della nostra Costituzione, il principio della fine della nostra Repubblica.

LEGGI TUTTO

La CEI, il terrorismo e i fabbricanti di camion

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo." alt="" width="280" style="margin: 5px 10px 10px 5px; float: left;" />

La dichiarazione del Presidente della CEI che non esistono guerre di religione e che le guerre sono volute e scatenate dai fabbricanti di armi, ricalca quelle che, più di un secolo fa, erano, più che le teorie, le sparate polemiche della Sinistra, considerata “eversiva”.

Che le guerre di religione, abbiano, in verità, assai poco a che vedere con la religione è concezione essenzialmente laica, anzi, anticlericale, che ha come completamento quella secondo cui le religioni servono a coprire e giustificare le peggiori malefatte degli uomini.

Ma, si pensi quel che si vuole delle religioni, è indiscutibile che la gente accorsa al grido di Pietro l’Eremita “Dio lo vole” ad affrontare un viaggio verso l’ignoto ed a farsi massacrare dalle pestilenze e dalle scimitarre di altri invasati, era mossa da più o meno concepibili convincimenti religiosi e non dalle esortazioni dei fabbricanti di spade, elmi, archi e frecce. Ciò è difficilmente contestabile.

Che potenti fabbricanti di armi soffino sul fuoco dell’intolleranza religiosa, come ieri sul contrasto delle ideologie o sugli odi nazionalistici, non fa sì che questo ammazzarsi dei popoli, su cui essi guadagnano possa essere scambiato con la guerra tra marche di cannone e fucili.

D’altro canto ci si dovrebbe aspettare qualche proposizione meno rozza ed approssimativa, almeno dal Presidente della CEI, dal Papa, dai Cardinali, di fronte al fatto storicamente indiscutibile che i loro predecessori bandirono esplicitamente guerre in nome della religione. Ed i Papi guerrieri e guerrafondai, che scomunicavano Imperatori che, invece di andare ad ammazzare Ebrei, Musulmani e Cristiani in Gerusalemme, venivano a patti con Saladino per aprire la “Terra Santa” ai pellegrini Cristiani, erano, correggetemi se sbaglio, “infallibili”, almeno quanto lo è Papa Francesco.

Questa storia della CEI che si allinea sulla posizione più becera del materialismo e dell’economismo anarchico-socialista per “spiegare” guerre e terrorismo (cioè per coprire la verità) ha però del grottesco e del comico. La dichiarazione del Presidente della CEI è arrivata poco prima della strage di Berlino col nuovo metodo del camion-ariete contro la folla. Che “dietro il terrorismo” ci siano ora i fabbricanti di camion?

Mauro Mellini 

22.12.2016

LEGGI TUTTO

Parole chiare sui 5 Stelle

Parole chiare sui 5 Stelle

C’è un’evidente tendenza, che a tratti si manifesta essere una programmata manovra, a voler mettere sullo stesso piano, o, almeno, a voler creare un’attenzione “compensativa”, tra la sconfitta di Renzi e del P.D. sul referendum costituzionale e la crisi del Movimento 5 Stelle e della Giunta Raggi a Roma.
Ciò solo in parte assai modesta è il portat

LEGGI TUTTO

Che succede nel partito dei magistrati

Che succede nel partito dei magistrati

Gli eventi della campagna elettorale per il referendum costituzionale hanno fatto passare in secondo piano, anche nella abbondante produzione dei nostri scritti, la questione del Partito del Magistrati e della sua anomala influenza della politica e nell’assetto istituzionale del nostro Paese.
Cominciamo dalla fine: quando era ancora incerta la persona del successore di Renzi a Palazzo Chigi

LEGGI TUTTO

Il Governo dell'amico del Delfino

Il Governo dell'amico del Delfino

Mi pare di averlo già scritto. In un’epoca in cui le busse erano ritenute strumento insostituibile di pedagogia, per provvedere all’educazione del Delfino, erede al trono di Francia, il cui sederino di futuro re non poteva subire l’onta di sculacciate, si provvedeva a delegare a riceverle un altro bambino, di accertata amicizia con il Delfino. Se questi non rispondeva alle

LEGGI TUTTO

No a prestanomi e concorrenti esterni

No a prestanomi e concorrenti esterni

Arrogante ed imbroglione, Renzi, sostenitore del valore del voto popolare solo se è “buono”, cioè se è, comechessia, a lui favorevole, “ce rioca” (per i poco pratici del parlare romanesco: “ci rifà”, “ci riprova”).

Il coro di ulteriori NO ad un Renzi bis e, magari un sussulto di indipendenza e di buon senso di Mattarella,

LEGGI TUTTO

Video In Evidenza

newsletter

Privacy e Termini di Utilizzo

social

Giustizia Giusta utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza sul sito. Continuando la navigazione autorizzi l'uso dei cookie.