FacebookTwitterGoogleFeed

 

Estero

Africa

Accoglienza di un'invasione? No, grazie

La tragedia dei migranti afro-asiatici che si riversano nel nostro Paese, territorio di frontiera dell’Europa e che in crescente proporzione perdono la vita nella traversata del Mediterraneo con mezzi inadeguati, sta assumendo proporzioni gigantesche e si sta colorando di un’ipocrisia da far ribrezzo.

Dico subito che l’ultima cosa che vorrei è che il mio pensiero in proposito potesse essere scambiato nel voler portar acqua al mulino dello sciovinismo e del razzismo. Ma credo fermamente che respingere ogni perplessità con i luoghi comuni, dichiarando che si tratta di gretto razzismo è stupido oltre che ipocrita ed è assolutamente intollerabile.

Credo che non si possa parlare seriamente ed onestamente di questa tragedia senza prendere atto che c’è un confine tra l’apertura alle immigrazioni e lo spalancare le porte ad una invasione. Ad un certo punto la quantità, il numero, trasformano l’immigrazione in una invasione.

Non si tratta di accettare o respingere il carattere “multietnico” del nostro Paese. O, almeno non è di questo che si tratta. Quando Mussolini, allineandosi al suo compare nazista, tirò fuori la “razza italiana” raggiunse il primato delle molte spocchiose assurdità del suo regime.

Ma altra cosa è il razzismo, con le sue terribili implicazioni e conseguenze, altra cosa è l’esistenza di un popolo, con la sua identità, le sue caratteristiche, il suo territorio e le sue esigenze di vita.

Se si vuole parlare di “Popolo italiano”, di Nazione Italiana, non si deve acconsentire a travasi di popolazione che, nel giro di qualche generazione, ne cambino volto, storia, costumi, esigenze di vita.

Né si dica che gli Italiani sono stati, fino a poco più di un secolo fa, trasmigratori, il cui ceppo costituisce la metà della Nazione Argentina e rappresenta negli Usa una delle comunità di maggiori dimensioni. Quelli erano Paesi che chiedevano immigrazioni (finché lo riteneva opportuno) per ovviare ad indiscutibili situazioni di spopolamento.

D’altra parte, se si dovesse accettare integralmente e coerentemente il precetto che Papa Francesco, e non solo lui né solo i Vescovi, ci raccomandano, quello di un’”accoglienza” dei popoli (che di popoli interi si tratta) che versano in condizioni drammatiche, non si vede perché dovremmo condizionare tale dovere al fatto che quei poveretti debbano rischiare la vita, facendola perdere ad una impressionante percentuale della loro massa che intraprende la traversata del mare in condizioni semisuicide per dar loro asilo. Dovremmo mandare navi passeggeri a Tripoli, Tobruk e negli altri porti africani e del vicino Oriente per imbarcarli, senza che debbano morirne in numero crescente per “giustificare” il compimento di questo dovere di accoglienza da parte nostra. Oltre tutto credo che costerebbe anche meno che andar a recuperare in mare i superstiti di periodici massacri.

Di fronte ad una predicazione di un’indiscriminata “accoglienza”, in base a principi esclusivamente morali e moralistici, nei quali non è impossibile trovare notazione di ipocrisia, non basta la risposta, tipica di un personaggio come Alfano: “non c’è più posto”.

L’Europa, l’Italia non è un campo profughi (magari gestito da qualche “Misericordia” Etrusca). I limiti che i governi dei popoli Europei e l’Europa nel suo complesso hanno il dovere, più che il diritto di opporre ad un flusso che diventa invasione, non sono quelli di una “capienza”, del resto difficilmente calcolabile.

Certo, finché ci sarà gente che rischia la vita nei nostri mari la sola idea di lasciarli affogare è delitto. Ma, a ben vedere, il delitto è non intervenire sulle coste africane, con la forza se necessario, per impedire che partano quei carichi di disperazione e di morte.

Ed intervenire dietro le coste, nei Paesi che ci riversano addosso quei disperati. Spendendo quel che si spende per un’inconcludente “accoglienza”, si potrebbe, con una razionale e saggia politica europea, evitare o far diminuire assai le ragioni della disperazione e della fuga.

Ma piantiamola con le prediche ipocrite, con i gesti spettacolari di Papa Francesco della “famiglia portata in salvo”, “girata”, poi, regolarmente all’Italia.

Ragionare non è poi così difficile.

Mauro Mellini

03.06.2016

CONTRIBUTI: IL PIATTO DI LENTICCHIE DEI PARTITI

 (da Togliatti a Renzi e al P.d.M.)
 
Per un piatto di lenticchie, per quanto abbondante e ben condito, rappresentato dal finanziamento pubblico in vario modo camuffato e denominato per cercar di sfuggire all’ostilità della gente per tale sistema, i partiti politici hanno venduto la loro primogenitura quale strumento della volontà popolare e di partecipazione alla gestione della cosa pubblica e si sono sottomessi ad un invadente ed avvilente sopraffazione da parte della magistratura e del Partito dei Magistrati, che da tale invadenza ha tratto legittimazione al suo ruolo politico.

Accoglienza ed invasione

Credo sia divenuto impossibile per chiunque voglia porsi problemi elementari relativi alla vita sociale e politica del nostro Paese, non affrontare senza panico, ma anche senza ipocrisie verso noi stessi, la questione di un invasione in atto da parte di popolazioni dell’altra sponda del Mediterraneo, Medio Oriente ed Africa.

prova

 prova

Morsi d'odio

 di Elleci
Tre anni fa un membro dei Fratelli Musulmani, in un’intervista televisiva (link in calce all'articolo), ha dichiarato: “Gli ebrei e i sionisti sono sanguisughe ... discendono dalle scimmie e dai maiali”. Oggi, tre anni dopo, quella stessa persona è diventata presidente dell’Egitto, si chiama Mohammed Morsi ed ha fatto approvare la nuova Costituzione egiziana ispirandola a quegli stessi principi che dettarono le sue parole. Prima di diventare presidente dell’Egitto, Mohammed Morsi rilasciava dichiarazioni come questa: “Non dobbiamo mai dimenticare, fratelli, di nutrire i nostri figli e nipoti con l’odio per i sionisti e gli ebrei. I bambini egiziani devono essere cresciuti nell’odio, l’odio deve continuare per Dio, come una forma di preghiera nei Suoi confronti”.

Africa. Neppure il boato delle bombe squarcia il silenzio sullo sterminio dei cristiani

 di Elleci
Gli ultimi attentati nelle chiese cristiane in Nigeria e Kenya sono l’ennesimo passo del sanguinoso percorso che portera’ alla realizzazione di un grande califfato esteso dai minareti libici alla moschea di Durban in Sudafrica.
L’Africa e’ destinata a diventare un continente interamente islamico dove non esisteranno cristiani che, per questo, sono destinati ad essere cacciati o sterminati.

Gheddafi forse a Bani Walid

I ribelli libici si preparano a lanciare l’attacco contro Sirte, città natale di Muammar Gheddafi, considerata una delle ultime roccaforti del regime. Gheddafi invece potrebbe essere fuggito a Bani Walid, baluardo governativo situato a circa 100 chilometri a ovest di Tripoli. Lo ha riferito l'emittente araba al-Jazeera, secondo cui un convoglio composto da 60-80 mezzi dell'esercito libico è stato visto dirigersi nelle scorse ore verso Bani Walid. Il ministero degli Esteri algerino, in un comunicato, ha confermato intanto che la consorte del colonnello Muammar Gheddafi e tre dei suoi figli, tra cui Aisha, sono entrati oggi in territorio algerino.

Video In Evidenza

newsletter

Privacy e Termini di Utilizzo

social

Giustizia Giusta utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza sul sito. Continuando la navigazione autorizzi l'uso dei cookie.