FacebookTwitterGoogleFeed

 

Dietro le sbarre

Ci sono ammiragli ed ammiragli.
C’è stato Caio Duilio, che portò anche sui mari la potenza di Roma.
C’è stato Drake che fece della pirateria la potenza imperiale dell’Inghilterra. E Togo, l’ammiratore segreto degli americani, che attaccò tuttavia e sorprese a Pearl Harbor e che lo ammazzarono avendogli teso una vera trappola.

Solo sulla carta il Centro Diagnostico e Terapeutico di Regina Coeli è una struttura di rilievo nazionale. In realtà, fra sovraffollamento, fatiscenza e carenze igienico-sanitarie la situazione rischia di avere, a breve, sviluppi potenzialmente drammatici.
 
E’ quanto denuncia il Garante dei detenuti del Lazio Angiolo Marroni in una lettera inviata al Presidente della Regione Renata Polverini e ai vertici del Provveditorato regionale dell’Amministrazione Penitenziaria e della Asl Rm A.
 Con i più recenti programmi di trattamento applicati ai detenuti condannati per reati a sfondo sessuale (i sex offenders) i casi di recidiva fra gli aggressori sessuali potrebbero ridursi dal 17% al 3,2%.
 
I dati sono stati illustrati nel corso della presentazione del progetto SOFT- Sex Offenders Full Treatment, che partecipa ad un bando della Comunità Europea, rispondente ad una CALL della “Criminal Justice”, inserito nel Programma Generale "Fundamental Rights and Justice".
 di Alessio Di Carlo
Strano Paese, il nostro.

Da un lato c'è un gruppo di amanti degli animali disposto a mobilitarsi, rischiando perfino la galera, che raccoglie il plauso pressoché generalizzato degli italiani, violando Green Hill e liberando un gruppo di beagle costretti in condizioni indescrivibili.

E a nessuno che venga in mente di far presente che sì, d'accordo, Green Hill sarà pure uno scandalo, ma se passa il principio che ognuno inizia a farsi giustizia da sé, il passo per  il Far West è breve.

E’ morto nel sonno, senza aver dato in precedenza particolari motivi di preoccupazione, il detenuto 33enne deceduto il primo aprile scorso nella Sezione Psichiatrica della Casa di Reclusione di Rebibbia. Lo rendo noto il Garante dei detenuti del Lazio Angiolo Marroni.
 
«Il giovane - ha detto Marroni - era recluso nel reparto per minorati psichici perché affetto da disturbo di personalità borderline. Fisicamente non aveva problemi visto che sabato scorso aveva partecipato anche ad una partita di calcio.  A quanto riferito ai miei collaboratori, quest’uomo era pienamente integrato nelle attività della sezione tanto che frequentava il laboratorio teatrale promosso dal questo Ufficio».
 

Video In Evidenza

newsletter

Privacy e Termini di Utilizzo

social

Giustizia Giusta utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza sul sito. Continuando la navigazione autorizzi l'uso dei cookie.