FacebookTwitterGoogleFeed

 

Dietro le sbarre

Negli ultimi giorni a qualche Ministro gialloverde è sfuggita qualche frase con la quale si ammette che il “reddito di cittadinanza” è tutto da inventare e definire e da inventare e definire sono coloro che ne beneficeranno e persino se per averlo bisognerà produrre idonea domanda. Presumibilmente documentata.
Resta l’imprudenza del parlare a vanvera: Di Maio ci vorrebbe far credere che il suo “regalo” arriverà per Natale. Che sarà il Natale 2018, mentre si sta ancora pensando di trovare la “copertura”, cioè i soldi, per l’anno 2019.
Imprudente, comunque, è qualsiasi discorso al riguardo, perché Di Maio ed i suoi sorvolano sul fatto che la definizione giuridica della titolarità di tale reddito nessuno ha pensato di tentare di farlo. Tanto meno a prevedere il contenzioso che ne scaturirà.
Di questo aspetto che si aggiunge al grottesco di tutta la storiella senza che con ciò ci venga in mente di proclamarci profeti e scienziati, ci siamo preoccupati fin dal primo giorno in cui si è scatenata la polemica sul “reddito di cittadinanza”.


Ma il grottesco ed il gusto per le cose assurde di questa gente, non ha limiti.
Abbiamo inteso persino parlare di una “distribuzione di quote di terre ai contadini”. La “Terra di cittadinanza”!
Dare ai contadini quote di terre in proprietà è stato discusso e tentato in Italia ed altrove. Ci provò persino Garibaldi promettendo le terre dei conventi e dei Feudatari ai picciotti che si fossero arruolati nell’”esercito meridionale”. Ovunque si sono “distribuite” le terre, esse sono subito tornate a costituire grosse proprietà magari peggio organizzate. Ma questo i nostri governanti dovrebbero leggerlo sui libri di storia. Ma si sono dimenticati di prevedere i “libri di cittadinanza”. Almeno per chi sa leggere.
Mauro Mellini
06.11.2018

Sgarbi ha detto il fatto suo al “magistrato più costoso d’Italia”, il collezionista di cittadinanze onorarie Nino Di Matteo l’”eroe” della più clamorosa topica giudiziaria italiana (6 ergastoli per l’assassinio di Borsellino dovuti revocare e processo da rifare!) oggetto di una fantasiosa condanna a morte pronunziata da Totò Riina “all’orecchio” di una guardia carceraria.

Le aggressioni verbali e morali a Sgarbi vengono da gente che pratica il culto di falsi idoli antimafia.

GRAZIE VITTORIO!!!

                  Mauro Mellini

05.12.2017

Ci sono ammiragli ed ammiragli.
C’è stato Caio Duilio, che portò anche sui mari la potenza di Roma.
C’è stato Drake che fece della pirateria la potenza imperiale dell’Inghilterra. E Togo, l’ammiratore segreto degli americani, che attaccò tuttavia e sorprese a Pearl Harbor e che lo ammazzarono avendogli teso una vera trappola.

Leggi tutto...

Video In Evidenza

Il Libro

La rubrica

banner gg lib

Non è solo Saguto

annuncio

      CLICCA SULL'IMMAGINE PER INFO

La Newsletter

Privacy e Termini di Utilizzo

social

Giustizia Giusta utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza sul sito. Continuando la navigazione autorizzi l'uso dei cookie.