FacebookTwitterGoogleFeed

 

  • Liberale, n. 14

    Liberale, n. 14

  • Roma: stato di emergenza stradale

    Roma: stato di emergenza stradale

  • Toh! Rispuntano fuori le primarie

    Toh! Rispuntano fuori le primarie

  • Quando l'abuso delle parole diventa oltraggio

    Quando l'abuso delle parole diventa oltraggio

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

EDITORIALE

  • 1
  • 2
  • 3

Liberale, n. 9

images.jpgGOVERNO (RI)DIVISO

di L.T.

Terminata la corsa alle elezioni, è iniziata tempestivamente quella per la rivendicazione del successo. 

Come in ogni evento politico che si rispetti, sarebbe rischioso (se non controproducente) parlare in termini assoluti di vittoria o sconfitta delle parti. Però tutto sommato qualcosa possiamo dirla: i repubblicani hanno difeso la loro maggioranza? No, perché hanno perso la Camera. I democratici hanno ribaltato il Congresso? No, perché hanno preso solo la Camera. 

Dopo mesi di notizie sull’oscuro collegamento tra l’esecutivo e la Russia, per i democratici guadagnare il Senato avrebbe aperto la strada all’assedio della Casa Bianca, muovendo magari anche i primi passi verso l’impeachment (dato che la camera alta del congresso funge da “giuria”); con la Camera in questo senso si può far molto meno, ma tutt’altro che poco. Una commissione d’inchiesta sul Russiagate (e non solo)? Possibile, se non probabile. E le conseguenze sull’amministrazione potrebbero essere più o meno pesanti, a seconda del risultato del procedimento.

Pensando al processo legislativo, i democratici possono fermare Trump su molti fronti, magari salvando anche quel che resta dell’Obamacare, ma potrebbe essere troppo poco, troppo tardi. Perché se si può fermare il Tycoon nella dimensione legislativa, non lo si può fare in quella internazionale (per quanto sarebbe anche facile farlo semplicemente staccando il Wi-Fi al 1600 di Pennsylvania Avenue). Potrà continuare a fare e disfare trattati internazionali protetto dalla sua maggioranza nel Senato, competente in materia.

Nessuna grande vittoria repubblicana, nessuna marea democratica. I primi si difendono dove possono, i secondi non conquistano abbastanza.

Politica interna estero

  • Roma: stato di emergenza stradale

    Nel mio libro “C’era una volta Montecitorio” potrebbe essere aggiunto un capitolo che richiederebbe, però un lavoro di archivio con un materiale sterminato e, comunque, per non lasciar fuori la parte più succosa e, per chi sappia divertirsi, avrebbe dovuto “sconfinare” per comprendere un’epoca ben al di là del periodo che è oggetto di quello scritto, cioè quella attuale. La storia degli emendamenti. Ero ancora studente di giurisprudenza quando mi balenò per la testa l’idea di un’opera che non ho Leggi tutto
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

Video In Evidenza

Il Libro

La rubrica

banner gg lib

Non è solo Saguto

annuncio

      CLICCA SULL'IMMAGINE PER INFO

La Newsletter

Privacy e Termini di Utilizzo

social

Giustizia Giusta utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza sul sito. Continuando la navigazione autorizzi l'uso dei cookie.