FacebookTwitterGoogleFeed

 

Elezioni: pasticcio crea pasticcio

L’avvicinarsi della scadenza per il deposito di liste, candidature e simboli per le prossime elezioni ha fatto venir fuori, come funghi dopo la pioggia di fine estate, nuove formazioni (chiamiamole così) con sigle strane, con stranissime denominazioni e simboli, che sembrano la marca del cibo per i gatti.

Formule vuote ed insulse, nelle quali l’unico elemento di verità è l’accuratezza nell’evitare la parola partito.

Infatti non sono “partiti”, espressione di una parte della pubblica opinione. Gli unici che si definiscono un partito sono quelli del P.D., “Partito Democratico”, che sono meno partito e meno democratici degli altri.

E’ finita l’epoca dei partiti “ideologici” e dei partiti in genere. Ed è finita l’epoca dello scimmiottamento delle “primarie” americane, utilizzate da noi sempre come una mezza truffa.

E’ finita pure l’epoca della “selezione telematica” dei candidati della premiata ditta “Grillo, Casaleggio e Compagni”.

Nei simboli elettorali non figura più il marchio dell’imbecillità, l’indicazione del candidato Presidente del Consiglio, esilarante, sempre, ma soprattutto nei simboli di piccolissima formazione: “Cianchettini Presidente”, “Ingroia Presidente”.

La disavventura di quest’ultimo credo sia stata determinante nel far eliminare, se non altro per motivi scaramantici, quella idiozia.

E’ accaduto e sta accadendo un singolare fenomeno. I vari partiti (si fa per dire, chiamateli come vi pare: consorterie, congreghe, società anonime, confraternite, clientele) hanno cercato di farsi una legge elettorale su loro misura ed a loro profitto. Né è venuto fuori un pasticcio della malora, che una percentuale di non meno del 97% degli Italiani non sa come funziona e non meno del 95% non lo saprà nemmeno dopo aver votato.

Una legge a misura dei partiti (che non c’erano e non ci sono). Che ha già ottenuto l’inverso di quel proposito che l’ha ispirata: ha fatto nascere “partiti” (che però non ci sono e non ci saranno) a misura della legge. Pasticcio crea pasticcio.

E’ ancora presto per fare un quadro completo delle candidature più o meno fasulle, più o meno velleitarie.

Intanto pare che possano darsi per certo quelle di almeno tre ex magistrati: Grasso, Ingroia e (udite! udite!) Di Pietro che la nuova legge elettorale ha sottratto ad un tempestivo pensionamento. Lui non avrebbe voluto, ma pare che (chi mai?) lo abbiano costretto a candidarsi “come indipendente” (che nel pasticcio in vigore non si sa che significa).

Ma, in fatto di magistrati, non finisce qui. Si candideranno altri che, diversamente dai tre sullodati, sono in servizio (si fa per dire: sono quelli che sono già da tempo in campagna elettorale).

E’ improbabile che Di Matteo non cerchi di mettere a frutto la sua collezione di cittadinanze onorarie, frutto della cosiddetta condanna (a morte) con una bella candidatura. Ma ha da fare con la pagliacciata del processo sulla Trattativa. Punta, quindi a fare direttamente il ministro. Ha già dichiarato che lui non si spreca per un piatto, anche se ben condito, di lenticchie.

E, poi, ci saranno le candidature per le elezioni regionali. Si scrive sui giornali della candidatura alla Presidenza della super regione Lombardia, ma assai di più si parla in Calabria di una candidatura togata. Naturalmente antimafia. E un via vai di magistrati in visita pastorale prepara il terreno ad un Collega.

Ci sarebbe da parlare di incompatibilità.

Ma è argomento fuori moda. Adesso si parla di “impresentabilità”, neologismo metagiuridico caro a Rosy Bindi. Però sappiamo che le sue liste di (alcuni degli) “impresentabili” le tira fuori a presentazione avvenuta, anzi, alla vigilia del voto.

Pasticcio crea pasticcio. E pasticcioni per tendenza e mestiere creano grossi pasticci. Ridicoli e pericolosi.

Ci abbiamo fatto l’abitudine.

        Mauro Mellini

12.01.2018

Video In Evidenza

banner gg lib

newsletter

Annuncio

annuncio

      CLICCA SULL'IMMAGINE PER INFO

Privacy e Termini di Utilizzo

social

Giustizia Giusta utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza sul sito. Continuando la navigazione autorizzi l'uso dei cookie.