FacebookTwitterGoogleFeed

 

"Partito della Nazione" addio!

Dopo il quattro dicembre a molti che si erano battuti per il NO a viso aperto e senza tentennamenti, condizioni ed alibi, è stato rinfacciato di non aver ottenuto niente, che tutto era rimasto come prima e che il loro impegno era stato frustrato.
Discorso più stupido che sbagliato. Certo non in buona fede.
La vittoria del NO è stata la vittoria contro una svolta autoritaria, per il fatto in sé di ciò che era la riforma balorda respinta dal voto popolare. Avendo io insistito in tutti i modi per respingere la priorità data ai significati “impliciti” asseritamente salvifici e “innovatori”, aver potuto in sostanza, bloccare un SI’ che avrebbe deturpato la democrazia di questa nostra Repubblica, era risultato clamoroso, tale che non richiedeva ricadute, quali che fossero, per potersi dire positivo.
Ma oggi, con quello che sta succedendo nel P.D. credo sia impossibile agli sconfitti negare che, anche proprio sul piano delle ricadute e degli effetti indiretti il voto del 4 dicembre è stato un evento grandemente positivo.
Renzi può restare o andarsene. Può cacciare la minoranza o tenersela. Può perdere o vincere il Congresso del P.D. Ma una cosa è certa: il suo progetto di “Partito della Nazione”, con quel che implicava e comportava è fallito.
La mancanza di iniziativa, di coerenza, di idee del resto della politica italiana potrà comportare la sopravvivenza del P.D., dimezzato o unito, come partito ancora egemone. Ma esso non è e non può più aspirare ad essere “il partito”, il “Partito della Nazione”, cioè l’organizzazione della soppressione della democrazia, il punto di riferimento della soppressione delle libere istituzioni.
Ora, malgrado le apparenze, il vociare, il discettare sulla scissione o non scissione del P.D. la parola passa agli altri. E se tacciono, se restano latitanti e dispersi, sarà certo grave la loro colpa e gravissime ne potranno essere le conseguenze. Ma non sarà certo il dimenarsi furibondo di Renzi ad ottenere questo scopo. Renzi ce lo potremo trovare (cioè se lo potranno trovare i giovani) tra i piedi anche a lungo. Ma è uno sconfitto.
Il Renzi che abbiamo dovuto temere non c’è più. Vediamo di non crearne noi un altro, dandogli grazia e credito.

Mauro Mellini
15.02.2017

Video In Evidenza

newsletter

Privacy e Termini di Utilizzo

social

Giustizia Giusta utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza sul sito. Continuando la navigazione autorizzi l'uso dei cookie.