FacebookTwitterGoogleFeed

 

Articoli

Editoriale

Di Matteo conquista Roma ma resta a Palermo (e io vado a Sgurgola)

Di Matteo conquista Roma ma resta a Palermo (e io vado a Sgurgola)

Alla fine Nino Di Matteo ce l’ha fatta. Ha conquistato l’ambito posto alla Procura Nazionale Antimafia, che ha sede a Roma, in un antico palazzo a Via Giulia, già sede di un museo di antichi strumenti di giustizia, cioè di tortura, di morte, con la gogna, la ghigliottina del Papa etc.
Posto ambito e conquista faticosa: Di Matteo ha dovuto sudare le classiche sette camicie

LEGGI TUTTO

Quando i forcaioli scoprono il garantismo

Quando i forcaioli scoprono il garantismo

(in Memoria di Filippo Mancuso)

Antichi proverbi dicono quasi tutto quello che c’è da dire di una situazione, per più versi grottesca, ché grottesca è sempre quel po’ di giustizia che si ritrova nell’ingiustizia, in cui versa oggi “il” partito, il P.D. che finora poteva ben definirsi quello degli scampati-profittatori della mattanza giudizi

LEGGI TUTTO

Ingroia: lo scandalo non sono i rimborsi ma le cariche

Ingroia: lo scandalo non sono i rimborsi ma le cariche

Scandalo perché l’ex P.M. Ingroia avrebbe fatto la cresta sui “rimborsi spese” per “viaggi di lavoro”?

Via, non scherziamo! Lo scandalo è un altro. E’ l’incarico immediatamente conferitogli dal compare Crocetta (credo proprio da lui, dalla Regione, comunque da qualcuno) appena rimasto “disoccupato” non avendo avuto successo quale

LEGGI TUTTO

La parola fine per la caccia alle streghe

La parola fine per la caccia alle streghe

Sono oramai trascorsi decenni dall’inizio di un’era politica caratterizzata dalla demolizione giudiziaria dei partiti e della classe politica.
Il manipulitismo, l’antiberlusconismo, l’antimafia “devozionale” ed affaristica, i Di Pietro, i Davigo, i Woodcock, i Cordova, gli Ingroia si sono avvicendati sulla scena politico-giudiziaria, hanno bandito la crociata, c

LEGGI TUTTO

Avanti Giudici alla riscossa

Avanti Giudici alla riscossa

Io non so se i fatti per i quali è indagato il papà di Renzi siano veri. Nemmeno so se costituirebbero veramente reato. Certo in quel tale ambiente “etrusco” danaro ne correva e ne corre e va a vedere, reato o non reato, di dove veniva e viene.

La carriera politica di Matteo è cominciata come si conviene ad uno che ha avuto la ventura di nascere in una famiglia dov

LEGGI TUTTO

Video In Evidenza

Annuncio

annuncio

      CLICCA SULL'IMMAGINE PER INFO

newsletter

Privacy e Termini di Utilizzo

social

Giustizia Giusta utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza sul sito. Continuando la navigazione autorizzi l'uso dei cookie.